via Domodossola 16, 20145 - Milano
+39 02 3492151
info@admiralhotel.it
Book Now
Musei

Pinacoteca di Brera
Via Brera, 28 (distanza dall’albergo: 3,5 km)

La Pinacoteca di Brera di Milano è uno dei musei italiani più noti e importanti. È principalmente una grande galleria di pittura antica. Conserva però anche un gruppo selezionato di opere d’arte dell’800 e di arte moderna classica, soprattutto italiana.

È di proprietà dello Stato italiano. Dipende direttamente dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

La Pinacoteca di Brera ha sede nel grande palazzo di Brera, che ospita anche altre istituzioni: la Biblioteca Nazionale Braidense, l’Accademia di Belle Arti. La Pinacoteca occupa il piano alto del grande edificio, ma è in attesa di espandersi nel poco distante Palazzo Citterio.

pinacoteca_brera_1           brera_int


Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia ‘Leonardo da Vinci’
Via San Vittore, 21 (distanza dall’albergo: 2,5 km)

Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia ‘Leonardo da Vinci’ di Milano è il più grande museo tecnico-scientifico in Italia. Il materiale, esposto su una superficie di 40.000 metri quadrati, è rappresentativa di tutto il prodotto dell’ingegno scientifico e tecnologico dell’uomo in ogni epoca. La sensazione di contatto con la tecnica si ha immediatamente dopo l’ingresso, dove è collocata la possente macchina vapore Regina Margherita, utilizzata fino ai primi del ‘900 per generare elettricità in un setificio lombardo.

L’attrattiva centrale è l’esposizione permanente dedicata a Leonardo, cui è adibita un’intera galleria. Da una serie di porte sulle pareti laterali della galleria si accede ad una serie di sale dedicate a specifiche discipline: Orologeria, Radio e telecomunicazioni, Elettricità, Suono e acustica, Strumenti musicali, Astronomia.

Trasversale alla galleria Leonardo da Vinci è anche l’ampia sala delle colonne, sede di concerti musicali e conferenze.

museo-scienza-milano           museo della scienza

Museo Poldi Pezzoli
Via Morone Gerolamo, 8 (distanza dall’albergo: 3,5 km)

Museo Poldi Pezzoli, Milano Museo di pittura, scultura, archeologia e arte applicata di Milano. Sito nel cuore della città, rappresenta uno dei fiori all’occhiello della vasta rete museale milanese, ricco di dipinti di estrema importanza e altrettanto notevole per le raccolte di arti minori. Istituzione privata, è inoltre vivace centro culturale, sede di mostre, convegni e corsi.

La raccolta nacque grazie agli spiccati interessi collezionistici del nobile Gian Giacomo Poldi Pezzoli (1822-1879), che nel corso della sua vita acquistò oggetti d’arte applicata (oreficerie, smalti, vetri, armi, tessuti ecc.), dipinti, sculture e reperti archeologici, poi collocati nei due palazzi di sua proprietà.

L’allestimento odierno rispetta sostanzialmente quello originario, concepito secondo i criteri espositivi allora imperanti, e finalizzato alla creazione di ambienti idealmente omogenei e di forte suggestione. Alla sua morte, il fondatore volle destinare la propria casa-museo alla fruizione pubblica.

Tra i capolavori del Poldi Pezzoli, accanto al celebre Ritratto di dama di Piero Pollaiolo, scelto come emblema dell’istituzione, figurano dipinti di Pietro Lorenzetti, Lippo Memmi, Lucas Cranach il Vecchio, Piero della Francesca, Cosmè Tura, Sandro Botticelli, Andrea Mantegna, Alessandro Magnasco, Giambattista Tiepolo, Francesco Hayez.

Notevoli sono l’arredamento e la decorazione delle sale del palazzo: in particolare, spiccano il Salone dell’Affresco (che deve il nome all’affresco di Carlo Innocenzo Carloni, staccato e sistemato sul soffitto), ove sono esposti tappeti e arazzi; il Salone Dorato, voluto da Gian Giacomo Poldi Pezzoli in stile neorinascimentale per accogliere degnamente i capolavori di quell’epoca; la Sala degli orologi, che ospita la ricca collezione donata nel 1973 da Bruno Falck; la Sala dei vetri di Murano, in origine sala da letto del proprietario e oggi luogo di esposizione di manufatti artistici in vetro; il Gabinetto degli ori, con le sue meravigliose oreficerie.

Museo-Poldi-Pezzoli_est           Museo Poldi Pezzoli_int2

La Casa-Museo Bagatti Valsecchi
Via Gesù, 5 (distanza dall’albergo: 4 km)

“Accogliente come una casa, interessante come un museo, intrigante come un’avventura”. Questo lo slogan che dal 1994, quando fu inaugurata, sintetizza la visita alla Casa-Museo Bagatti Valsecchi, situata nel quartiere di Montenapoleone, cuore di Milano. Un palazzo ottocentesco, allestito nelle forme e nello stile del Rinascimento, che rappresenta la realizzazione del sogno dei fratelli Bagatti Valsecchi: costruire una dimora ispirata alle abitazioni signorili del Cinquecento lombardo.

Per raggiungere il loro scopo, Fausto e Gisueppe Bagatti Valsecchi arredarono ogni stanza con opere d’arte rinascimentale, arredi e suppellettili preziose, oggetti d’uso quotidiano. Frutto della profonda passione dei due collezionisti milanesi, questa Casa-Museo è attualmente una delle più importanti e meglio conservate in Europa, ed è amministrata da una fondazione privata, voluta dagli eredi al fine di rendere pubblico il patrimonio artistico raccolto nella dimora di famiglia. Lontani dalle barriere e dai vincoli che solitamente regolano i percorsi nei musei, la visita al palazzo è un esperienza densa di sorprese e meraviglie: ogni ambiente nasconde piccoli e grandi tesori: dipinti su tavola e tele, sculture e arredi lignei, armi e armature, ceramiche e vetri, oreficerie e avori, metalli lavorati, tappeti e arazzi.

Il tutto nel rispetto dell’allestimento realizzato alla fine dell’Ottocento, che privilegia l’uso abitativo a scapito della funzione espositiva. Ogni manufatto, a prescindere dal proprio valore intrinseco (opportunamente illustrato nelle schede del catalogo) si incontra così nell’ambiente per il quale era stato acquistato e nel quale, da sempre, è collocato.

Museo-Bagatti-Valsecchi           A network of the museum-houses to find out about Milano's history

Galleria Civica di Arte Moderna
Via Palestro, 16 (distanza dall’albergo: 4 km)

La Galleria d’Arte Moderna fa parte delle Civiche Raccolte d’arte del Comune di Milano.
Il museo espone opere di: Giacomo Balla, Paul Gauguin, Giovanni Segantini, Giuseppe Pellizza da Volpedo (Il Quarto Stato)

La Galleria d’Arte Moderna venne inaugurata sotto la direzione di Carlo Vicenzi nel 1921, per accogliere le collezioni di dipinti e sculture fino ad allora raccolte nel Castello Sforzesco, che dal Neoclassicismo arrivavano a comprendere le opere dei maestri viventi. Le collezioni civiche si erano andate formando grazie ai lasciti e alle donazioni dei collezionisti milanesi e al sostanzioso deposito del 1902 dell’Accademia di Brera.

gam_est gam_int