via Domodossola 16, 20145 - Milano
+39 02 3492151
info@admiralhotel.it
Book Now
Chiese

Santa Maria delle Grazie
Piazza Santa Maria delle Grazie, 2 (Corso Magenta) (distanza dall’albergo: 1,9 km)

Santa Maria delle Grazie è una chiesa di Milano, patrimonio dell’umanità dell’Unesco, insieme al Cenacolo di Leonardo da Vinci che si trova nel refettorio del convento.

Nel 1463 il duca di Milano Francesco I Sforza fece costruire il convento domenicano ed una chiesa nel luogo dove si trovava una piccola cappella dedicata a Santa Maria delle Grazie. L’architetto fu Guiniforte Solari, il convento fu completato nel 1469 mentre per la chiesa fu necessario attendere il 1482.

Altri cambiamenti furono eseguiti quando, salito al potere, Ludovico il Moro decise di cambiare il chiostro grande e l’abside della chiesa. La costruzione fu terminata intorno al 1490. Il Moro aveva anche deciso di fare delle Grazie il luogo di sepoltura degli Sforza e nel 1497 vi venne sepolta la moglie Beatrice d’Este.

Secondo una antica tradizione milanese Ludovico il Moro fece anche costruire un cunicolo collegante il castello, poi chiamato Sforzesco al convento.

Santa_Maria_delle_Grazie_Milano          santa_maria_grazie_int

Basilica di San Ambrogio
Piazza Sant’Ambrogio, 15 (distanza dall’albergo: 2,5 km)

La basilica di Sant’Ambrogio è una delle più antiche chiese di Milano. Edificata tra il 379 e il 386 per volere del vescovo di Milano Ambrogio, fu costruita in una zona in cui erano stati sepolti i cristiani martirizzati dalle persecuzioni romane. Per questo venne dedicata ai martiri ed era chiamata Basilica Martyrum: lo stesso Ambrogio voleva riporvi tutte le reliquie dei santi martiri Satiro, Vittore, Nabore, Vitale, Felice, Valeria, Gervasio e Protasio.

Sant’Ambrogio stesso vi venne sepolto e da allora cambiò nome, assumendo quello attuale.

sant'ambrogio           santambrogio3

Basilica di San Lorenzo
Corso di Porta Ticinese, 39 (distanza dall’albergo: 3,5 km)

La Basilica di San Lorenzo di Milano è una basilica paleocristiana edificata in età romana, tra il 372 e il 402, periodo durante il quale la capitale dell’impero è stata spostata a Milano. Per la costruzione della basilica vennero riutilizzati materiali prelevati dal vicino anfiteatro.

L’edificio è stato largamente rimaneggiato e ridecorato nel ‘500. Con la cupola e le quattro torri per contraffortare la volta non lignea, è un esempio del modello di edificio ecclesiastico a pianta centrale bizantino, come Santa Sofia a Costantinopoli, contrapposto al modello rettangolare delle basiliche contemporanee, come la “basilica antiqua” che si trovava nei pressi dell’attuale Duomo di Milano.

La struttura poderosa prevedeva una balconata interna (matroneo) che correva attorno a tutto l’edificio, balconata che oggi è visibile solo in parte. Oggi l’interno appare monocromo, ma a suo tempo era rivestito in modo fastoso e multicolore. La parte più recente è la cupola baroccheggiante, in quanto ricostruita dopo un crollo.

Davanti alla basilica c’è una grande corte e dal lato opposto un colonnato. Queste colonne di San Lorenzo sono di epoca antecedente ma collocate sul luogo al momento della costruzione della basilica.

Sul retro della basilica oggi c’è un parco, da cui si ha un’eccellente vista del complesso. In precedenza vi era un canale o un laghetto (forse un porto) e successivamente un famoso luogo per le esecuzioni.

san lorenzo_1           san lorenzo_2

La Certosa di Garagnano
Via Garagnano, 28 (distanza dall’albergo: 4,5 km)

La Certosa di Garegnano è un monastero situato alla periferia nord-ovest di Milano, un tempo in aperta campagna.

Fondato nel 1349 da Giovanni Visconti, vescovo e signore della città, ebbe l’onore, nel XIV secolo, di ospitare anche Francesco Petrarca.

Il complesso è opera dei secoli XVI e XVII, celebre per il ciclo pittorico dell’interno, eseguito in due tempi da Simone Peterzano, maestro del celebre Caravaggio (1578) e dal grande Daniele Crespi (1629). La sala capitolare conserva, nella volta, un bellissimo affresco con San Michele, opera di Bernardo Zenale (principio del XVI secolo).

Pur mutilata del chiostro grande (distrutto all’epoca della secolarizzazione napoleonica), e lambita dal cavalcavia che collega alle autostrade dei Laghi ed alla Torino Venezia, resta un monumento di notevole interesse.

Garegnano_1  Garegnano_2  Garegnano_3